Campionato Italiano Esordienti B Enrico medaglia d’argento!

L’edizione 2013 del Campionato Italiano “Esordienti B”, riservato a ragazzi tesserati alla Fijlkam (l’unica federazione nazionale di karate riconosciuta dal Coni) con il grado di cintura marrone o nera, nati negli anni 1998 e 99, ha confermato l’ottimo trend del settore agonistico “Karate Genocchio” di Rovato che da anni ormai ci ha abituati a risultati importanti.

La conferma arriva dalla classifica generale per società, dove la scuola del Presidente e fondatore Franco Genocchio si è posizionata tra le “prime della classe” su oltre centocinquanta società presenti, in rappresentanza di tutte le Regioni della penisola.

Ottima la prova di tutti i ragazzi in gara, quattro femmine ed un maschio, che il mese scorso avevano superato le selezioni regionali: su tutti da segnalare la medaglia d’argento di Enrico Cadei di Cazzago San Martino.

L’unico maschio della spedizione, partito da Rovato all’alba di sabato per raggiungere Roma in aereo, accompagnato dal Direttore Tecnico Mauro Genocchio (con lui nella foto sopra), ha portato una preziosissima medaglia; preziosa quanto inaspettata, visto che Cadei era iscritto nella categoria 63 kg insieme ad altri cinquanta ragazzi tutti molto preparati.

Commenta così il Direttore Tecnico: “Enrico ha dimostrato subito di essere in una giornata positiva, conducendo i vari incontri con sicurezza e con particolare lucidità, aspetti che gli hanno permesso di applicare subito i consigli tecnici che arrivavano dall’angolo; infatti non sempre i ragazzi sul quadrato di gara riescono ad ascoltare e mettere in pratica le strategie che gli vengono suggerite, sia per l’emozione sia per la forte tensione agonistica del momento.

Abbiamo valorizzato le tecniche di braccia, che di solito usa poco prediligendo gli attacchi di calcio, con ottimi risultati. Il cammino verso la finale è stato lungo, ci sono volute cinque vittorie meritate; purtroppo in finale ha accusato un calo di concentrazione o forse un comprensibile senso di appagamento e non è riuscito a riproporre la stessa precisione tecnica, anche in fase difensiva, e si è fermato al secondo posto. Comunque un grandissimo risultato, frutto del lavoro quotidiano che prosegue senza sosta dall’estate scorsa”.

Le categorie femminili, in gara la domenica mattina, sono iniziate alla grande e tutte le quattro ragazze hanno superato vari turni preliminari, facendo presagire al meglio. Purtroppo però si sono avvicinate al podio ma senza metterci il piede sopra!

In particolare Elisa Zanardini nei 45 kg e Anastasia Shumko nei 70, che si sono dovute accontentare della medaglia di legno avendo perso la finale per il terzo posto (ma almeno si sono guadagnate la qualificazione al Campionato Italiano 2014, senza passare dalla selezione regionale); Camilla Taini nei 50 kg e Giulia Vitali nei 56, settime classificate nelle categorie più numerose con circa cinquanta atlete presenti.

“Siamo molto soddisfatti della prova dei singoli atleti, sono giovanissimi e spesso il forte impatto emotivo che comporta la kermesse nazionale li condiziona limitando notevolmente la loro prestazione. –continua Mauro Genocchio, Istruttore Federale, cintura nera quinto dan-  Si sono allenati benissimo in questi mesi ed il risultato si è visto, anche se resta un pizzico di rammarico per le ragazze perchè bastava un niente per salire sul podio e conquistare la sospirata medaglia. Abbiamo avuto comunque la conferma che il nostro team è all’avanguardia e che stiamo lavorando nella direzione giusta”.

© Karate Genocchio